Dulce Isis: Probando la nueva Mezcla Blanca Flor saor christian louboutin

Páginas

  • Página Principal
  • ÍNDICE DE RECETAS
  • ABC DE PASTELERÍA Y REPOSTERÍA
  • ARTÍCULOS
  • SOBRE MÍ

miércoles, 3 de septiembre de 2014

дешевоass='post hentry' itemprop='blogPost' itemscope='itemscope' itemtype='http://schema.org/BlogPosting'>

Probando la nueva Mezcla Blanca Flor

mezcla blanca flor


Sé que este blog esta dedicado a presentar recetas de postres y tortas totalmente caseros y hechos por mis propias manitas ( y las de mi mamá por supuesto). Pero esta vez quise hacer algo distinto y probar con una pre mezcla de keke listo para usar.

Y lo hice por varios motivos. La primera es la ventaja del tiempo. Nadie puede negar que este tipo de premezclas nos hace ahorrar un montón de tiempo: no se tiene que pesar los ingredientes secos, ni batir la mantequilla con el azúcar (menudo trabajo si lo sabré yo), ni sacar la leche y los huevos dos horas antes del refrigerador , bueno los huevos sí. 

Por otro lado está la publicidad. A todo momento veía el comercial en la Tv. donde un papá se muestra orgulloso porque hasta a él le salió bien preparar el keke Blancaflor.  Eso sumado a que cada vez que iba al supermercado la bolsa me hacía ojitos y me decía llévame hizo que me decidiera a probarlo.


Aún así, uno de los principales "peros" que tenía para probar esta mezcla es que es bien sabido que la mayoría de las veces estas preparaciones resultan con un no muy buen sabor debido a los preservantes y colorantes. Sin embargo, recordé que hace un tiempo también había probado una pre mezcla parecida de  la marca Claudia Cupcakes que me había gustado así que decidí arriesgarme y esperar que esta también le guste a todos en mi casa.



Prepararla ☻no podía ser más simple, sólo necesitaba 3 huevos y un poco de agua. Mezclarlos con la bolsa de la pre mezcla, batir por 4 minutos y vaciar la preparación a un molde redondo enmantequillado y enharinado. Meter al horno a 180° C y olvidarme de ella por una hora. Pasado el tiempo y abrir el horno me encontré, tengo que admitirlo, con una belleza de keke. Había crecido parejito y bien alto, no tenía grietas ni se bajó después de sacarlo del horno. Lo dejé enfriar completamente antes de partirlo y probarlo.



Una vez que le metí el cuchillo para partirlo y probarlo me topé con un keke con un súper aroma a vainilla y bien esponjocito, aunque parecía más un chifón que un keke. Al probarlo, tuve una mezcla de sensaciones. Por un lado, me gustó el sabor a vainilla e incluso me hizo recordar a mis galletas Marquesitas de toda la vida, tal vez son de la misma empresa por eso el parecido. La textura parecía más a la de un bizcochuelo o chifón que la de un keke, que si bien estaba rico me hubiera gustado encontrarme algo menos esponjoso y más compacto con un toque cremoso de mantequilla como todo keke. Todo eso sumado a que me pareció muy azucarado, miren que para que yo diga que es muy azucarado es que es MUY azucarado hacen que me parezca un producto aceptable. Nada más.



Para finalizar, creo que esta mezcla es perfecta para un día que no tengamos ganas de pasar mucho tiempo en la cocina y querramos algo rápido de preparar. O para, como el protagonista del comercial, no sepamos nada de preparar kekes y queremos sorprender a la familia.  Para eso si es una buena solución. Pero al menos a mí, prefiero volver a miss kekes totalmente caseros.

Puntaje:

☻☻☻☺☺

44 comentarios :

  1. zoylaM5 de septiembre de 2014, 21:47

    Hola Dulces Isis , Yo siempre cuando hay apuro usamos aqui las cajitas para hacer cake, salen ricos, eso si esponjosos y hay que tomarlos con un tecito verde bien bajito de azucar. es verdad. a los ninos les encanta en kekitos. son practicos, rapido , y faciles...

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil11 de septiembre de 2014, 14:56

      Hola ZoylaM, claro que sí, por lo fácil y rápido de preparar siempre son una buena opción usarlos. Y además que los encontramos de todos los sabores en el supermercado :) Saludos...

      Eliminar
    2. Responder
  2. Dulce Atami7 de septiembre de 2014, 20:34

    Hola Dulce Isis,
    En mi blog te deje un premio te cuento un poco en el siguiente enlace http://dulceatami.wordpress.com/.../premio-conoceme-mi.../
    Muchos éxitos;
    Bendiciones.
    Angela #DulceAtami.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil11 de septiembre de 2014, 14:56

      Muchas gracias Dulce Atami, ahora mismo lo veo

      Eliminar
    2. Responder
  3. mividaenundulce15 de septiembre de 2014, 16:54

    Lo mejor que tienen estas pre-mezclas es lo rápido que te pueden sacar de apuro, pero supongo que no podemos pedir mucho, es decir, con que crezcan y tengan buen sabor ya hemos ganado bastante. Lo malo claro está es como en tu caso, el punto de dulce fue alto y ahí sí no hay modo de cambiarlo.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil19 de septiembre de 2014, 09:49

      Sí, el sabor es su punto débil, aún así seguiré probando otras premezclas porque me ha gustado eso de no trabajar mucho para hacer un cake jeje, saludos.

      Eliminar
    2. Responder
  4. Melissa Revolledo Chavez De17 de octubre de 2014, 18:36

    Hi Dulce Isis
    Queria saber si esta mezcla lista de blanca flor, pueda ser cocinada en horno microondas?

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil20 de octubre de 2014, 15:10

      Supongo que sí, pero no sabría decirte el tiempo de cocción ni a que potencia lo debes poner, no soy experta en microondas...sorry

      Eliminar
    2. Responder
  5. Juan Reyes20 de octubre de 2014, 17:38

    Una pregunta la cantidad de agua es tres cuartos de litro de agua o tres cuartos de taza de agua.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil18 de noviembre de 2014, 15:17

      Hola, realmente no recuerdo cuanto de agua pedía el paquete.

      Eliminar
    2. Belen Trinidad16 de febrero de 2015, 19:45

      3/4 de taza = 200 ml

      Eliminar
    3. Responder
  6. Cupcakes mania22 de octubre de 2014, 13:11

    Hola pasaba para saludarlos y felicitarlos por los cupcakes y a la vez invitarlos a visitar nuestra red social https://www.facebook.com/pages/CupcakesMania/903152439695930?fref=ts

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil28 de octubre de 2014, 11:18

      Muchas gracias, los visitaré...

      Eliminar
    2. Responder
  7. Anónimo14 de noviembre de 2014, 15:06

    Isis que tamaño de molde es?

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil20 de noviembre de 2014, 09:26

      Hola, el molde es de 24 cm de diámetro.

      Eliminar
    2. Responder
  8. Anónimo12 de diciembre de 2014, 23:13

    May para todas

    ResponderEliminar
  9. Anónimo13 de febrero de 2015, 20:52

    El de chocolate me encantó, recomiendo probarlo.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil21 de febrero de 2015, 09:31

      No lo he probado aún pero a ver si en estos días lo compro. Saludos...

      Eliminar
    2. Anónimo25 de febrero de 2016, 09:55

      Por favor cuánto de harina le agrego, en la receta del paquete solo dice una bolsa,cuánto es una bolsa. Gracias

      Eliminar
    3. Responder
  10. samyri15 de febrero de 2015, 15:19

    Alguien puede ayudar con la cantidad de aceite de torta casera de chocolate blanca flor....Sólo dice 3/4 de aceite....pero será 3/4 de 1 litro o 3/4 de 800fe. Q es el contenido de mi sobre...xfiz

    ResponderEliminar
  11. samyri15 de febrero de 2015, 15:38

    Alguien puede ayudar con la cantidad de aceite de torta casera de chocolate blanca flor....Sólo dice 3/4 de aceite....pero será 3/4 de 1 litro o 3/4 de 800fe. Q es el contenido de mi sobre...xfiz

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Belen Trinidad16 de febrero de 2015, 19:45

      200 ml

      Eliminar
    2. Yamile Barraza Segil21 de febrero de 2015, 09:36

      Gracias Belén por tu respuesta, no he probado el keke de chocolate de BF por eso no sé la cantidad

      Eliminar
    3. Responder
  12. Anónimo11 de abril de 2015, 12:48

    Hola que tal ? Cual es el precio de la Harina que muestran

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Anónimo14 de abril de 2015, 11:36

      s/.7.50 nuevos soles

      Eliminar
    2. Responder
  13. Anónimo14 de abril de 2015, 11:38

    Hoy he preparado un keke de vainilla al comienzo levantó, estaba hermoso luego terminó con el medio abajo, por qué sucede esto si seguí las instrucciones al pie de la letra, batí el tiempo indicado.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil8 de junio de 2015, 16:02

      Hola , tal vez fue porque el horno estuvo muy caliente o lo abriste antes antes delo tiempo indicado. Saludos...

      Eliminar
    2. Responder
  14. Shelley Diana Hernandez Gaspar3 de junio de 2015, 03:33

    hola q tal una consulta tu preparaste tu cake en 180 C x una hora , m saldria igual si lo preparo a 160 C x 1 hora? .. esq mi horno marca en 1, 2 ,3 y 4 y ps el 2 es 160 C????... agradeceria mucho tu ayuda porfa

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil8 de junio de 2015, 16:07

      Si tu horno marca 2 que quiere decir 160° es muy bajo. Yo lo pondría en 3 porque si no la masa se puede pasar por horas en el horno y luego salir cruda porque nunca llegó al calor adecuado. Ojalá te ayude mi tip y ya me contarás que tal te salió. Saludos...

      Eliminar
    2. Responder
  15. Milagros Carrillo yalan16 de julio de 2015, 11:23

    Keke de naranja es delicioso. Les recomiendo.

    ResponderEliminar
  16. Johann20 de julio de 2015, 16:14

    Coincidentemente encontré esta pagina.
    Hace unos días atrás pensé en que mi nena de 4 años empezara a realizar manualidades y se me ocurrió algo como preparar postres, ya saben las cosas típicas para niños fáciles de hacer, kekes, torta de galletas, galletas.
    Claro esta que ni mi esposa ni yo somos cocineros ni mucho menos sabemos preparar estas cosas, a lo mucho llegamos a la gelatina y al flan jajajajaja.... pero la semana pasada de compras en el super vimos esta bolsa con sus colores amarillos difícil de no ver.. "masa para keke" decía, no me convenció mucho, por lo dicho por Isis a veces el sabor es malo; pero decidimos comprarlo, ademas de comprar la batidora, el molde de aluminio, el plato para el keke, la espátula... jajajaja (nunca habíamos hecho esto), ayer con mi hija y esposa empezamos la preparación del keke de chocolate.. muy sencillo, mi nena batió con ayuda de su mamá, enmantequillo el molde y hecho harina... ella se divirtió muchísimo que era lo que queríamos.. compartir esta manualidad con ella.
    El resultado fue un hermoso keke de chocolate, de agradable sabor y esponjoso, invitamos a la abuela y tías y pasamos una noche de conversación agradable.
    Recomendable la masa y el sabor del keke.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil25 de julio de 2015, 10:31

      Que bonita historia Johann. Y esa es precisamente la razón por la que hago este blog. Para incentivar a las personas a cocinar en casa con la ayuda de sus hijos y así pasen más tiempo juntos olvidandose un rato de la tv y otras distracciones que no son tan productivas. Muchas gracias por pasar por aquí y comentar.

      Un abrazo.

      Eliminar
    2. Responder
  17. Pedro Ortega Quisberty4 de septiembre de 2015, 14:49

    Prueben,echándole leche en lugar de agua, es delicioso, saludos

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil14 de septiembre de 2015, 18:46

      Gracias por el tip. Saludos...

      Eliminar
    2. Responder
  18. Milita9 de noviembre de 2015, 13:13

    Hola, yo me equivoque el echarle el agua y le eche 2 tazas, como me salió muy aguado le eche mas harina que tenia en casa y un huevo mas por si acaso...lo deje un poco mas del tiempo en el horno y ohhh sorpresa me salió súper rico, además eche fudge y grageas de colores.

    ResponderEliminar
    Respuestas
    1. Yamile Barraza Segil10 de noviembre de 2015, 10:01

      Que suerte que te haya salido bien.

      Eliminar
    2. Responder
  19. Jose Antonio18 de septiembre de 2016, 17:04

    Realmente es una excelente alternativa lo hice en una olla o cacerola marca ESSEN sobre el fuego de la hornilla y la verdad es que en media hora salio un keke delicioso.

    ResponderEliminar
  20. dada24 Xu6 de enero de 2017, 01:43

    louboutin outlet
    louis vuitton bags
    vans outlet
    christian louboutin shoes
    michael kors bags
    michael kors outlet online
    ray ban sunglasses discount
    coach outlet online
    salvatore ferragamo shoes
    canada goose jackets
    zhi20170106

    ResponderEliminar
  21. shengda xu5 de abril de 2017, 07:14

    marc jacobs outlet
    coach outlet
    hollister kids
    michael kors outlet online
    cheap oakley sunglasses
    adidas nmd runner
    coach outlet store online
    coach outlet store
    michael kors outlet online
    hollister clothing
    xushengda0405

    ResponderEliminar
  22. Unknown15 de mayo de 2017, 15:49

    Hola, puedo ponerlo en moldes para cupcakes?? Y a q temperatura y tiempo?? Gracias

    ResponderEliminar
  23. Unknown19 de julio de 2017, 16:57

    Al de chocolate le agregue pisco, jugo de limon y vainilla (1/3 de taza) en reemplazo de un poco de agua. Tambien pasas y ralladura de limón. Me quedo muy bien. Puntos en contra son que es muy esponjoso, no es compacto y si, es muy dulce (lo dice una dulcera)

    ResponderEliminar
  24. Unknown19 de julio de 2017, 16:59

    Si se pueden poner en moldes de cupcakes pero revisar a los 8 - 10 minutos si ya estan (mi horno no dice la temperatura!)

    ResponderEliminar

saor christian louboutin

christian louboutin fifi
uomini di cristiano louboutin
christian louboutin miehet

Post con #recensioni film tag

Interstellar

Pubblicato su 11 Ottobre 2017 da Lucia Collo

Tags: #recensioni film, #spazio, #interstellar

 

Buongiorno carissimi,

iniziamo la discussione di oggi con un film avvincente che ci porta nello spazio. Parleremo di Interstellar,  un   film di fantascienza   del   2014   diretto da   Christopher Nolan .

TRAMA tratta da  wikipedia

Nel XXI secolo, il pianeta Terra sta diventando un ambiente inabitabile per l'uomo: il cibo infatti scarseggia perché solo poche colture resistono alla "piaga", un flagello naturale che si nutre di azoto e che consuma l'ossigeno dell’atmosfera. Per di più, immani tempeste di sabbia rendono la vita quotidiana impossibile. Il genere umano è dunque destinato all'estinzione entro due generazioni al massimo. Cooper, ingegnere ed ex-pilota della   NASA, vive e lavora nella sua fattoria con la sua famiglia: suo suocero Donald e i suoi figli Tom e la dodicenne Murphy (chiamata Murph). Sua moglie invece è deceduta anni prima. La piccola Murph, prodigio della matematica, assiste nella sua stanza a stranissimi fenomeni quali la caduta di libri e di altri oggetti dalla libreria: la sua conclusione è che la stanza sia infestata da un "fantasma" invisibile che sembra cerchi di comunicare con lei in codice Morse. Durante una grande tempesta di polvere, il fantasma forma strisce di sabbia sul pavimento. Cooper intuisce possa trattarsi di codice binario e ottiene così delle coordinate geografiche. Decisi a svelare il mistero, dopo un giorno di viaggio lui e Murph arrivano nel punto indicato dalle coordinate: lì la strada termina nel nulla. Immediatamente vengono catturati e condotti in quella che si rivelerà essere la base segreta della NASA, localizzata nel centro NORAD   e guidata dal professor John Brand e da sua figlia Amelia, valente biologa.

Il professor Brand capisce che Cooper è stato "scelto", dunque gli rivela il piano della NASA per salvare l'umanità. Per prima cosa gli svela l'esistenza di un cunicolo spazio-temporale, o wormhole, apertosi 48 anni prima in prossimità di Saturno, e secondo gli scienziati, opera di una civiltà superiore, esseri penta-dimensionali che intendono aiutare il genere umano. Il cunicolo infatti conduce ad un'altra galassia e a nuovi   pianeti, i quali potrebbero costituire la nuova "casa" dell'umanità. Dieci anni prima la Nasa aveva infatti lanciato la missione   Lazarus , inviando dodici astronauti su altrettanti pianeti, attraverso il wormhole. Tre astronauti su dodici, Miller, Edmunds e Mann, hanno inviato dati promettenti relativi a tre pianeti, sui quali sembrerebbe possibile sopravvivere, e orbitanti attorno a un buco nero   chiamato   Gargantua. Il professor Brand chiede a Cooper di dirigere e pilotare la missione esplorativa che, a bordo dell'astronave  Endurance , raggiungerà i tre pianeti; se uno di essi risultasse abitabile, Cooper dovrà ritornare sulla Terra per guidare l'esodo dell'umanità, a bordo di enormi stazioni spaziali. La tecnologia per costruire le stazioni non è però ancora perfezionata. Il professor Brand è comunque fiducioso che un giorno riuscirà a risolvere le iper-complesse equazioni della teoria del tutto che consentirebbero la costruzione delle stazioni. Cooper comprende che la missione rappresenta l'ultima possibilità di salvezza per l'umanità e accetta di prendervi parte; non può però rivelare i dettagli ai suoi figli, per non spaventarli sul futuro. La piccola Murph, vivendo la partenza come un tradimento del padre, che forse non rivedrà più, si rifiuta di salutarlo.

Il resto dell'equipaggio dell' Endurance  è composto dalla stessa Amelia, dagli scienziati Romilly e Doyle, e dai robot semi-senzienti TARS e CASE. Dopo due anni di viaggio fino a Saturno, la nave Endurance (una struttura radiale composta da 12 moduli), finalmente attraversa il tunnel spaziale, nel quale le leggi della fisica perdono di significato. Il primo pianeta che raggiungono è quello esplorato da Miller. Il pianeta risulta così vicino a Gargantua che   la gravità del buco nero rallenta lo scorrere del tempo: ogni ora trascorsa sulla superficie del pianeta equivale a sette anni sulla Terra. Mentre Amelia, Cooper e Doyle compongono la squadra di sbarco, Romilly rimane sull' Endurance  per acquisire dati sul buco nero. Il pianeta si rivela però totalmente inospitale e inabitabile, ricoperto da un unico oceano percorso da un gigantesco e distruttivo   moto ondoso. Miller, sulla superficie da un paio d'ore secondo il tempo del pianeta, è verosimilmente deceduta quando la sua nave è stata investita da un'onda. La squadra di sbarco rischia di subire la stessa sorte: al sopraggiungere di una immane onda, Doyle rimane ucciso e la nave, piena d'acqua, non potrà ripartire se non dopo alcune ore. Quando Cooper e Amelia raggiungono finalmente l' Endurance , sono trascorsi ventitré anni dalla loro partenza e Romilly è visibilmente invecchiato.

Sulla Terra, Murph è diventata adulta e lavora come scienziata alla NASA, aiutando il professor Brand che ancora non ha risolto le equazioni. Solo in punto di morte, Brand confida a Murphy di aver risolto quell'equazione ben prima della partenza di Cooper e di aver capito che la sua soluzione non permette di sviluppare le navi che avrebbero potuto portare in salvo gli abitanti della Terra. L'unica salvezza per la specie umana è quindi rappresentata dal "piano B" sempre predisposto da Brand: far nascere una nuova popolazione umana su un altro pianeta da embrioni congelati presenti a bordo dell' Endurance , condannando però gli umani ancora presenti sulla Terra a morire. Murph è sconvolta da queste rivelazioni, ma capisce altresì che il piano originario potrebbe ancora funzionare se si potessero raccogliere certe informazioni tuttavia presenti solo all'interno del buco nero, e pertanto inaccessibili.

Poiché nessuno sull' Endurance  conosce i veri piani di Brand, gli astronauti continuano la loro missione. Dopo il disastroso esito della prima esplorazione, rimane carburante per raggiungere solo uno dei due pianeti restanti. Dopo una drammatica votazione (si scopre infatti che Amelia era innamorata di Edmunds), il gruppo decide di raggiungere Mann e il suo pianeta, poiché è l'unico che ancora trasmette dati. Quando Amelia, Cooper e Romilly sbarcano sulla superficie, stranamente scoprono un ambiente freddo e coperto di ghiacciai, con un'atmosfera a base di ammoniaca, del tutto inabitabile. Mann comunque è ancora vivo, e lo risvegliano dall'ibernazione. Nella base di Mann arriva la notizia della morte di Brand tramite un videomessaggio di Murph, la quale rivela però anche la verità: l'impossibilità dunque di salvare il genere umano. Cooper, che l'ascolta, decide di tornare al più presto sulla Terra.

Gli astronauti con sgomento scoprono però che il dottor Mann aveva falsificato i dati, facendo credere che il pianeta fosse abitabile, anche se non lo era, solo per sperare che giungesse qualcuno a salvarlo. Non può dunque permettere agli altri di tornare sulla Terra e tenta di uccidere Cooper. Amelia accorre in suo aiuto e riesce a salvarlo. Romilly non scampa all'esplosione del laboratorio minato dal folle Mann. Rubando una navetta, Mann raggiunge l' Endurance   in orbita ma sbaglia la manovra di aggancio, causando così un'esplosione in cui rimane ucciso e che danneggia seriamente la nave. Solo l'esperienza e la determinazione di Cooper permettono a lui e ad Amelia di riprendere il controllo del veicolo e di salvarsi, a prezzo però di consumare altro prezioso carburante.

È ormai impossibile tornare sulla Terra; l'unica opzione per portare a termine almeno il piano B è raggiungere il terzo pianeta, quello esplorato da Edmunds, mediante una manovra chiamata fionda gravitazionale attorno al buco nero. L'avvicinamento al buco nero determinerà però un ulteriore ritardo di cinquantuno anni rispetto al tempo sulla Terra, ma non ci sono alternative. Affinché Amelia possa farcela, però, è necessario alleggerire la nave e Cooper e TARS si staccano dall'Endurance e si lasciano inghiottire dal buco nero. Incredibilmente Cooper non muore, ma entra in un tesseratto: un cubo quadrimensionale di un infinito spazio a cinque dimensioni, creato per l'occasione dagli esseri superiori che li stanno aiutando. In questo "non-luogo", che è la replica della stanza della figlia Murphy, moltiplicata per ognuno degli innumerevoli istanti vissuti dalla stessa Murph nella sua vita, Cooper riesce a controllare e a modificare il tempo e lo spazio. Si scopre allora che Cooper risulta essere il "fantasma" che comunicava con Murphy nella sua camera. Cooper riesce così a trasmettere a una Murph adulta i dati quantistici sulla   singolarità, raccolti nel frattempo dal robot TARS dentro a Gargantua. Questi dati consentono a Murph di completare la teoria del tutto, risolvere le equazioni e controllare la gravità. Conclusa la trasmissione dei dati, il tesseratto collassa e Cooper viaggia a ritroso attraverso il   tunnel spaziale; ormai allo stremo delle forze e condannato a morte certa, riappare vicino a Saturno. Secondo il tempo terrestre sono trascorsi 76 anni dalla sua partenza.

Continua...

Matthew McConaughey Biografia (tratta da  wikipedia)

McConaughey nasce a   Uvalde,   Texas, ultimo dei tre figli di Mary Kathleen "Kay" McCabe, un'insegnante, e di James Donald McConaughey, che gestiva un distributore di benzina prima di avviare una compagnia nel settore petrolifero.   Il padre, deceduto a causa di un   attacco cardiaconell'agosto 1992,   prima di lavorare nel campo petrolifero è stato giocatore di   football americano   della   NFL   che ha militato nei   Green Bay Packers.   McConaughey ha avuto un'educazione   metodista.   Ha origini scozzesi, inglesi e svedesi da parte di padre e irlandesi e tedesche da parte di madre.

Cresciuto a   Longview, dove ha frequentato la Longview High School, brillando sia come studente sia come atleta, oltre ad essere votato come il "più bello della scuola".   Dopo il diploma conseguito nel 1988 si trasferisce per un anno in   Australia, a Warnervale nel   Nuovo Galles del Sud, come studente in scambio sponsorizzato dall'associazione   Rotary International   e per mantenersi ha praticato i lavori più umili come lavapiatti e spalatore di letame.   Tornato negli   Stati Uniti   si iscrive alla facoltà di legge presso l'Università di Austin, ma ben presto, grazie alla lettura de   Il più grande venditore del mondo ,   capisce che quella non è la sua strada e grazie ad uno dei suoi migliori amici, che era uno studente di cinema, inizia a prendere lezioni di recitazione e sceneggiatura.

Ha iniziato la sua carriera nei primi   anni novanta   partecipando al film   La vita è un sogno   (1993). Ha continuato ad apparire in film di vario genere tra cui l'horror   Non aprite quella porta IV   (1994), il   thriller legale   Il momento di uccidere   (1996), il dramma storico di   Steven Spielberg   Amistad   (1997), il fantascientifico   Contact   (1997) e la commedia   EdTV   (1999). Dal 2000 diventa noto come protagonista di numerose commedie leggere e romantiche, tra cui   Prima o poi mi sposo   (2001),   Come farsi lasciare in 10 giorni   (2003),   A casa con i suoi   (2006) e   La rivolta delle ex   (2009).

Dal 2010 si è dedicato a ruoli più impegnati e acclamati dalla critica, in film come   Bernie   (2011),   Killer Joe (2011),   Mud   (2012),   Magic Mike   (2012),   Interstellar   (2014) e nella serie TV   True Detective   (2014). Ha raggiunto ulteriori successi nel 2013 per aver interpretato un cowboy affetto da   AIDS   nel film biografico   Dallas Buyers Club , che gli è valso il   Golden Globe   come   miglior attore in un film drammatico uno   Screen Actors Guild Award   e il   premio Oscar   come   miglior attore protagonista,   oltre a diversi altri premi internazionali.

Considerato un   sex symbol,   biondo e con un fisico statuario, è stato inserito più volte nelle classifiche degli uomini più belli del mondo. Nell'aprile 2014 la rivista   Time   ha incluso McConaughey nella sua annuale   Time 100   come una delle "Persone più influenti al mondo".

PROFUMO DI RECENSIONE

Senza ombra di dubbio, un film affascinante che racconta, speranze e paure di un possibile vicino futuro. La ricerca di un posto sicuro dove proseguire la vita, diventa una lotta a suon di decenni. Ogni traiettoria, ogni sbaglio costa ai protagonisti anni passati in una navicella lontano da cari e familiari. Un' avventura che intreccia diverse tematiche che si ricollegano alla ricerca spasmodica di un modo per far sopravvivere il genere umano. Tra padre e figlia, entrambi geni matematici, corre un collegamento che va oltre il tempo e lo spazio, un' intesa che riesce ad essere salvifica. Tanti segnali e dejavu che ripercorrono la pellicola e che si incastrano solo alla fine quando il disegno si svela e tutto appare chiaro. Una pellicola emozionante, ricca di colpi di scena e effetti speciali. A prima impatto può addirittura risultare pesante e per certi versi incomprensibile ma via via ogni cosa, ogni collegamento tra quello che accade sulla Terra e quello che vivono gli scienziati nello spazio risulta avere un senso, un perché.

Un film coinvolgente adatto a tutta la famiglia che consiglio di dividere in due sere. Avrei da dire tante tante altre cose, ma lascio a voi il piacere di scoprirle. Alla prossima.

 

 

 

Interstellar

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

Adaline- l'eterna giovinezza

Pubblicato su 28 Aprile 2016 da Lucia Collo

Tags: #recensioni film Adaline- l'eterna giovinezza

Buongiorno carissimi, bentrovati.

Iniziamo la discussione di oggi con un film, del quale è già un po' che spero di parlarvi: Adaline - L'eterna giovinezza del 2015 diretto da Lee Toland Krieger con protagonisti Blake Lively, Michiel Huisman e Harrison Ford.

TRAMA tratta da wikipedia

Adaline Bowman nasce nel 1908. Divenuta donna, ella si sposa con un giovane ingegnere e dà alla luce Flemming, sua figlia. Sfortunatamente suo marito muore dopo pochi anni di matrimonio. Trascorsi dieci mesi dalla prematura perdita, la ventinovenne Adeline ha un incidente automobilistico da cui si salva miracolosamente e, per una fatalità meteorologica, si verifica l'arresto del naturale invecchiamento delle sue cellule. Così la sopravvissuta è destinata all'eterna giovinezza. A causa della sua condizione fisica, Adeline è costretta a cambiare residenza ogni dieci anni, sicché non può vivere costantemente il rapporto con sua figlia. Infatti per oltre ottant'anni dallo straordinario avvenimento, la giovane donna passa la sua esistenza lontano da legami sentimentali, vedendo Flemming invecchiare pian piano.

Durante la sua permanenza nella città di San Francisco negli Stati Uniti, Adeline, la cui identità corrisponde a Jennifer Larson, lavora in una biblioteca e vive in compagnia di un cane. Nella sera di Capodanno incontra il carismatico Ellis Jones a una festa, il quale sin da subito è attratto dalla bella Adeline, tant'è vero che la insegue in ascensore per poi accompagnarla fino a un taxi.

Il giorno dopo Capodanno, Adeline viene informata dai suoi colleghi che un signore anonimo ha fatto una donazione di libri molto costosi e che verrà personalmente a consegnarli. Questo signore ignoto non è altro che Ellis Jones, il quale ha scoperto, mediante delle ricerche, il posto di lavoro della donna perché desidera rivederla. Ellis vuole che sia Adeline ad accettare la donazione, in modo tale da potersi scattare una foto insieme, ma lei rifuta, giacché vuole evitare di farsi riconoscere da persone del suo passato attraverso le fotografie. Perciò Ellis le dà un'alternativa: o esce con lui o accetta di farsi fotografare, altrimenti ritirerebbe la proposta di donazione. Quindi Adaline accetta di uscire con Ellis poiché non può né farsi una foto con lui né rinunciare all'offerta della donazione dei libri. Durante l'uscita fanno una scommessa: se lui riuscirà a farla ridere con la battuta più divertente che lui conosca, usciranno un'altra volta. Adaline, una volta sentita la battuta, non riesce a trattenere una risata e perciò Ellis vince la scomessa. Per l'appuntamento seguente decidono di non andare da nessuna parte, ma di mangiare a casa di Ellis; passano così la notte assieme.

Nei giorni seguenti Adaline ignora le chiamate di Ellis, e lui, non sapendo cosa altro fare, scopre dove abita e si presenta sotto casa della donna. Sfortunatamente per lui, quella non era una buona giornata per Adaline perché aveva appena dovuto far sopprimere il proprio cane e perciò lo respinge violentemente. Mentre sta impacchettando le sue cose per l'ennesimo trasloco, Adaline ritrova delle vecchie foto e decide di dover andare da Ellis a scusarsi per come l'ha trattato e per chiedergli un altro appuntamento. Ellis gradisce le scuse e accetta l'appuntamento, ma stavolta dovrà essere Adaline a organizzarlo. Lei lo porta in un vecchio cinema drive-in ricoperto, sul cui soffitto erano state posizionate delle luci che ritraessero perfettamente le costellazioni. Ellis le chiede se le va di andare con lui alla festa dei quarant'anni di matrimonio dei propri genitori e Adeline accetta.

Quando arrivano a casa dei genitori, il padre di Ellis, William, riconosce immediatamente in Jennifer Adaline. Adaline è sorpresa quanto lui di vederlo e non tarda a riconoscerlo, ma sostiene che "Adaline" sia sua madre e che tra loro ci sia solo una forte somiglianza. Adaline e William si erano già conosciuti in passato ed avevano avuto una relazione. Si conobbero una sera in cui William la aiutò con la macchina in panne. Lei decise di dargli un passaggio, e conoscendosi si innamorarono. Purtroppo, accortasi che l'uomo desiderava sposarla, Adaline aveva deciso di scappare, non presentandosi ad un appuntamento. William, nonostante fossero passati anni da quando aveva conosciuto Adaline, la definiva ancora una donna magnifica e le attribuiva ogni merito per avergli dato il coraggio di abbandonare la facoltà di medicina per dedicarsi alla sua vera passione, l'astronomia. L'affetto che William sembra ancora provare per Adaline infastidisce la moglie, Kathy, e ciò crea contrasti tra i due. Anche Adaline, nonostante il tempo passato e l'amore che prova nei confronti di Ellis, non riesce a non provare affetto per William e una sera, rimasti soli, gli confida che la "madre" l'aveva amato molto.

La mattina seguente Adaline si sveglia sola in casa con William, il quale le chiede di aiutarlo a scaricare della merce. Adaline accetta di buon grado, ma, mentre dà una mano, le si posa una coccinella sulla testa e William glielo fa notare. In tal modo Adeline alza istintivamentele mani e abbassa la testa, cosicché William possa allontanare l'insetto. Nel momento in cui scaccia la coccinella, William si accorge che "Jenny" ha sulla mano sinistra la medesima cicatrice presente su quella di sua madre "Adaline", la quale se l'era procurata durante un'escursione con lo stesso William. Allora il padre di Ellis comprende ogni cosa. Chiede spiegazioni ad Adaline, che in un primo momento fugge, ma quando William la insegue lei spiega la realtà dei fatti, sebbene non ne conosca il motivo. William le consiglia di non ferire Ellis, e di dirgli quindi la verità, a differenza di quanto fatto con lui anni prima. Ciò nonostante, lei corre a casa, lascia un biglietto per Ellis per poi prendere la macchina e fuggire. Ellis trova il messaggio e chiede al padre di spiegargli cosa fosse successo fra loro e il motivo per cui "Jenny" se n'era andata; dopodiché decide di seguirla...

BLAKE LIVELY biografia tratta da wikipedia

Nata nell'area metropolitana di Los Angeles, in California, proviene da una famiglia che lavora tutta nel mondo dello spettacolo: ha due sorelle e un fratello maggiori dal lato materno, Lori, Robyn e Jason, e un fratello maggiore, Eric, tutti attori. Suo cognato è Bart Johnson, sposato con sua sorella Robyn. I suoi genitori, Ernie (nato Ernest W. Brown) e Elaine (nata McAlpin), sono anch'essi attori. Non ha mai, di fatto, studiato recitazione: «I miei genitori insegnavano recitazione quando ero piccola e, non potendo permettersi una babysitter, mi portavano sempre ad assistere alle loro lezioni. Sono cresciuta assorbendo il mestiere e, la prima volta che mi sono trovata sul palcoscenico, sapevo già cosa fare».

Blake ha frequentato la Burbank High School a Burbank, dove era rappresentante d'istituto, nonché cheerleader e componente del Glee Club del liceo. Nel 2010, sul set diLanterna Verde, ha conosciuto il collega Ryan Reynolds[, con cui iniziò una relazione nell'ottobre 2011. La coppia si è sposata il 9 settembre 2012, alla Boone Hall in Mount Pleasant, in Carolina del Sud. La loro prima figlia, James, è nata il 16 dicembre 2014.

Debutta al cinema all'età di undici anni, con un piccolo ruolo nel film Sandman, diretto da suo padre Ernie Lively. Quattro anni dopo, il fratello maggiore Eric la ritirò da scuola per due mesi portandola con sé in una tournée in tutta Europa; durante il viaggio il fratello spese la maggior parte del suo tempo a cercare di convincerla a intraprendere la carriera di attrice. L'intenzione iniziale della Lively era quella di frequentare la Stanford University, non essendo interessata alla recitazione, ma nell'estate del 2005, prima che lei iniziasse il suo ultimo anno di liceo, suo fratello Eric, a sua insaputa, le fece ottenere un'audizione per il ruolo di Bridget in 4 amiche e un paio di jeans, in cui recita insieme ad Alexis Bledel, America Ferrera e Amber Tamblyn; riesce a girare il film durante il suo ultimo anno di liceo.

Nel 2007 raggiunge la fama internazionale con Gossip Girl, serie televisiva in cui recita la parte della protagonista Serena van der Woodsen, una ricca ragazza di New York tra problemi di amore, amicizie e feste. Nel 2008 riprende il ruolo di Bridget in 4 amiche e un paio di jeans 2; inoltre recita accanto a Justin Long nella commedia Ammesso ed è protagonista al fianco di Max Minghelladel film indipendente Elvis and Anabelle. Nonostante il successo televisivo continua a lavorare anche nel cinema con il film a episodi New York, I Love You (2008) e nel film La vita segreta della signora Lee (2009) di Rebecca Miller.

Nel 2010 è tra i protagonisti di The Town di Ben Affleck, e la rivista Maxim la classifica al 4º posto nella sua Maxim Hot 100.[8] Nel 2011 recita in Lanterna Verde, nel quale l'attrice è co-protagonista, al fianco di Ryan Reynolds, nel ruolo di Carol Ferris. Partecipa inoltre, insieme a Jessica Alba, alvideoclip I Just Had Sex dei The Lonely Island ed Akon, e viene incoronata dalla rivista maschileAskMen come "donna più desiderata del mondo".[9] Sempre nello stesso anno, nel campo dellamoda, in febbraio lo stilista di calzature Christian Louboutin le dedica un paio di scarpe dal nome "The Blake",[10] mentre in marzo diventa ambasciatrice della casa di moda Chanel.[11] Ancora nello stesso anno la rivista TIME la inserisce tra le 100 persone più influenti al mondo nella sua listaTime 100.[12] Nel 2012 è protagonista del film Le belve di Oliver Stone. Nello stesso anno la casa di moda Gucci la sceglie come testimonial della fragranza Gucci Première, e per la quale gira un cortometraggio diretto da Nicolas Winding Refn.[13] Nell'ottobre dell'anno successivo viene scelta come nuovo volto della L'Oreal Paris.[14] Nel luglio del 2014 lancia Preserve, un sito e-commercedi lifestyle con interessi rivolti in vari settori.

Il 2015 rappresenta per l'attrice, dopo un anno di pausa dalla recitazione, il ritorno sul grande schermo: infatti è protagonista di Adaline - L'eterna giovinezza, dramma romantico a tinte fantasy diretto da Lee Toland Krieger; nella pellicola interpreta Adaline Bowman, una ragazza rimasta ventinovenne per quasi otto decenni.[15] Tale interpretazione le vale una nomination ai Teen Choice Award.

PROFUMO DI RECENSIONE

Adaline è un film apparentemente semplice, quasi banale eppure fa riflettere. Di fatto, getta luce sull'altro lato della medaglia: la tanto agognata eterna giovinezza ha dei lati negativi.

Un incidente dà vita ad un dono unico e singolare. Non solo Adaline non invecchierà più, ma non si ammalerà, ne soffrirà l'avanzare del tempo. Vedrà la sua figura congelarsi, senza mutare mentre la vita e il mondo andranno avanti, quasi a burlarsi di lei. Al tempo stesso, (e su questo il film è straordinario), si comprende bene come non avrà amori con cui invecchiare, persone che saranno compagne d'avventura, amicizie durevoli e quanto sarà dura vedere i suoi affetti morire l'uno dopo l'altro.

Dovrà scappare e cambiare identità per non diventare una cavia da laboratorio, vivendo una vita solitaria, fatta di menzogne e sotterfugi.

Ma la vita ci sorprende, ci attende al valico cambiando gli eventi e le prospettive...

Insomma una pellicola che merita la sua visione.

Se proprio devo trovare una pecca, credo stia nel finale ma lascio a voi il piacere della sua scoperta.

Se avete suggerimenti, riflessioni da fare o volete solo lasciarmi un pensiero sono qui.

A presto.

Adaline- l'eterna giovinezza

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

Cinderella man- Una ragione per lottare

Pubblicato su 4 Luglio 2014 da Lucia Collo

Tags: #recensioni film Cinderella man- Una ragione per lottare

Buongiorno carissimi,

iniziamo la discussione di oggi con Cinderella Man - Una ragione per lottare (Cinderella Man) un film del 2005 diretto da Ron Howard, e ispirato alla vera storia dell'ex campione dei pesi massimi James J. Braddock, che aveva questo soprannome.

TRAMA tratta da wikipedia

Braddock è un giovane irlandese cresciuto nelle strade. È una promessa della boxe nella categoria dei massimi leggeri ma si trova costretto a smettere dopo aver perso numerosi incontri ed essersi fratturato più volte la mano destra. Nel periodo in cui gli Stati Uniti attraversano la Grande depressione, Braddock svolge diversi lavori di fatica, specie come portuale, per mantenere la sua famiglia, ma sogna ancora di tornare alla boxe ad alto livello. Grazie alla cancellazione all'ultimo minuto dell'impegno di un altro pugile, Braddock ha una seconda possibilità per combattere ma si trova ad affrontare il numero due al mondo e viene considerato solo come un allenamento. Braddock stupisce gli esperti del pugilato e i fans mettendo al tappeto alla terza ripresa il suo eccellente avversario. Braddock continua a vincere e in breve tempo viene a rappresentare le speranze e le aspirazioni del pubblico americano alle prese con la Depressione. Soprannominato "Cinderella Man" ("il Cenerentolo"), in una delle più grandi sorprese della storia del pugilato riesce a sconfiggere l'arrogante Max Baer e a divenire il campione mondiale dei pesi massimi.

RUSSELL CROWE biografia tratta da wikipedia

Dopo aver partecipato a numerose serie tv e soap opera come Neighbours, ottiene la parte di protagonista in alcuni film australiani tra cui Skinheads, nel 1992, per il quale ottiene il premio come miglior attore protagonista dall'Australian Film Institute, e considerato il suo vero esordio cinematografico, oltre che suo primo film importante. Skinheads ebbe un notevole successo di critica. Sharon Stone, in veste di produttrice e protagonista del western Pronti a morire lo chiama per interpretare una parte in questo film. Nonostante il cast composto da stelle del cinema (oltre alla Stone e Crowe, Gene Hackman, Leonardo DiCaprio e la regia di Sam Raimi) il film si rivela un insuccesso sia dal punto di vista del botteghino che da quello della critica. Seguono altri insuccessi fin quando, nel 1997, l'interpretazione dell'agente Bud White in L.A. Confidential lo lancia tra le stelle di Hollywood.

Dopo aver interpretato John Biebe accanto a Burt Reynolds in Mistery, Alaska, da qui in avanti Crowe ottiene grandi consensi. Il primo è per Insider - Dietro la verità di Michael Mann (1999), nel quale interpreta il dottor Jeffrey Wigand; qui Crowe viene candidato sia al premio Golden Globe che all'oscar come miglior attore protagonista, ma risulta battuto prima da Denzel Washington (in Hurricane - Il grido dell'innocenza) poi da Kevin Spacey (per American Beauty). Ma è l'anno dopo che la vera fama travolge l'attore, quando interpreta Massimo Decimo Meridio ne Il gladiatore di Ridley Scott del 2000 (da qui comincerà quel sodalizio col regista che dura tutt'oggi), grazie al quale vince l'Oscar al miglior attore.

Nel tempo libero, Russell Crowe è anche un apprezzato cantante, e con la sua band si è esibito, tra l'altro, al Festival di Sanremo 2001. Nel 2010 si è esibito in Piazza di Spagna, a Roma, assieme agli attori co-protagonisti di Robin Hood i quali, a loro volta, fanno parte di una band scozzese chiamata Saor Patrol, il cui leader è Charlie Allan (tra l'altro grande amico di Crowe).

L'anno successivo è nel film di Ron Howard A Beautiful Mind: qui Crowe interpreta un ruolo diverso da quelli in cui il pubblico è abituato a vederlo con il professore di matematica John Nash, affetto da una grave forma di schizofrenia. Per la sua interpretazione, Crowe conquista il Golden Globe e il BAFTA Award come miglior attore protagonista, arrivando perciò la notte degli oscar super favorito; tuttavia i giurati dell'Academy gli preferiscono Denzel Washington per Training Day.

A questo punto si prende una piccola pausa e torna sullo schermo due anni dopo nel nuovo film di Peter Weir: Master & Commander - Sfida ai confini del mare, un film di avventura, storico, drammatico e di guerra dove Crowe interpreta il capitano Jack Aubrey e viene nominato ai Golden Globe. Due anni dopo, nel 2005, è protagonista di Cinderella Man di Ron Howard; qui riceve la sua quinta candidatura ai Golden Globe. Poi nel 2006 è protagonista di Un'ottima annata di Ridley Scott.

Nel 2007 è protagonista con Christian Bale del remake del film Quel treno per Yuma e con Denzel Washington in American Gangster di Ridley Scott. Poi interpreta Nessuna verità, nuovamente di Ridley Scott, dove Crowe interpreta un boss della CIA; stavolta divide lo schermo con Leonardo DiCaprio. Nel 2009 è tra i protagonisti, assieme a Ben Affleck, Rachel McAdams e Helen Mirren, del thriller politico State of Play, mentre nel 2010 torna ancora una volta a collaborare con Ridley Scott in Robin Hood.

Russell Crowe è stato voce narrante nel film documentario Bra Boys, scritto e diretto da Sunny Abberton (2007).

Nel 2012 si sono svolte le riprese dell'adattamento cinematografico del racconto biblico del diluvio universale, progetto del regista Darren Aronofsky, dove Crowe interpreta il protagonista principale Noè. L'uscita del colossal biblico, intitolato Noah e prodotto da Paramount Pictures e New Regency Productions, è avvenuta nella primavera del 2014.[2][3]

Nel 2013 interpreta Jor-El, padre di Superman, interpretato da Henry Cavill, nel film L'uomo d'acciaio.[4] Il film è stato diretto da Zack Snyder e nel cast sono presenti anche Amy Adams, Kevin Costner e Diane Lane. L'anno successivo prende parte al film Storia d'inverno accanto a Colin Farrell.

PROFUMO DI RECENSIONE

Nonostante questo film sia poco conosciuto e abbia un titolo che, per certi versi disorienta, merita la visione.

Oltre a fotografare uno squarcio di vita reale e difficile ( gli anni della Depressione) che si affianca per molti tratti alla nostra situazione attuale, racconta la storia di un uomo, che ha fatto del suo sogno, realtà.

Lottando contro molte avversità, contro la povertà e contro la fame, il protagonista, riesce a condurre non solo la sua famiglia ma, l'intera comunità alla rivincita.

Ecco diviene il punto di riferimento, un boxer gentile, dotato di grande cuore e di profondi sentimenti, da qui il suo soprannome ( Cinderella).

Un uomo di principio che crede nella parola data, e che fa l'elemosina per poter riportare a casa i suoi figli, un uomo che si sforza di lavorare anche con una mano ingessata e che combatte un avversario duro e pericoloso che spesso porta alla morte.

Un film, direi catartico, che ci conduce a vivere i dolori, e le sofferenze del protagonista ma anche le sue vittorie e le sue speranze.

Una pellicola che ruota intorno alla famiglia, ai suoi legami ma anche al mondo della boxe con le sue regole e i suoi avventori.

Non posso che conisgliarlo anzi vi dico di più, credo sia una pellicola emozionante da gustarsi con la famiglia per capire che l'amore e la passione possono ogni cosa.

Avrei da dire molte altre cose ma lascio a voi il piacere di scoprirle.

Come sempre attendo i vostri commenti, suggerimenti e domande.

Lasciatemi un segno del vostro passaggio e alla prossima.

Cinderella man- Una ragione per lottare

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

La lettera scarlatta

Pubblicato su 20 Maggio 2014 da Lucia Collo

Tags: #recensioni film La lettera scarlatta

Buongiorno carissimi,

iniziamo la discussione di oggi con La lettera scarlatta (The Scarlet Letter) un film del 1995 diretto da Roland Joffé.

Interpretato tra gli altri da Demi Moore, Gary Oldman e Robert Duvall, è ispirato al famoso romanzo di Nathaniel Hawthorne: La lettera scarlatta.

TRAMA tratta da wikipedia

Nel 1667 Hester Prynne, moglie di un colono partito in una guerra contro gli indiani, arriva nel Massachusetts. Qui conosce il reverendo Arthur Dimmesdale e i due scoprono di amarsi ma decidono di respingere i loro sentimenti. Quando il marito di Hester, Roger, viene dato per morto in una battaglia contro gli indiani e il suo corpo non è stato ritrovato a causa dell'alta marea, Hester e Arthur si confessano il loro amore e diventano amanti.

Tempo dopo, Hester rimane incinta e Roger ritorna; viene perciò processata affinché lei dica chi è il nome del padre, ma lei si rifiuta di dirlo e viene dapprima incarcerata e poi viene bollata sui vestiti con l'infamante lettera A di adultera.

Con ciò, viene derisa dai suoi compaesani con un ragazzo che la segue ad ogni passo con il suo tamburo suonandolo al suo passaggio.

Deciso a trovare la sua vendetta, Roger decide di cercare l'amante della moglie; viene perciò a conoscenza della relazione tra Hester e Arthur.

Una sera, Hester riceve la visita di un colono che, venuto a conoscenza della relazione extraconiugale della donna, tenta di violentarla, ma Hester lo mette in fuga bruciandogli l'occhio e puntandogli un fucile. Uscito di casa, il colono viene ucciso da Roger dopo averlo scambiato per Arthur e convinto di aver finalmente trovato la sua vendetta. Il giorno seguente, Roger capisce di aver ucciso l'uomo sbagliato e, preso dai rimorsi, si suicida impiccandosi.

A causa dell'omicidio commesso da Roger, i coloni dichiarano guerra agli indiani, proprio nell'istante in cui Arthur stava per essere impiccato dopo aver rivelato di essere lui il padre di Pearl, la bambina di Hester.

Dopo la battaglia, Hester seppellisce Roger, si riunisce con Arthur e la figlia Pearl, assieme ai quali lascia il Massachusetts per andare in Carolina, dove potranno finalmente vivere in pace ed essere una famiglia.

DEMI MOORE biografia tratta da wikipedia

Nacque in una difficile situazione familiare: suo padre Charles Harmon abbandonò sua madre Virginia poco prima che lei nascesse, costringendola a includere il cognome del patrigno, Danny Guynes, al posto di quello del padre. Guynes cambiava frequentemente lavoro, cosa che la costrinse a traslocare ben 40 volte nella sua infanzia: in uno di questi frequenti viaggi, Moore perse parte della vista dall'occhio sinistro e fu costretta a portare una lente a contatto speciale.

Trascorse la maggior parte della sua infanzia e della sua adolescenza nei sobborghi di Pittsburgh. I genitori erano diventati nel frattempo alcolisti e in un momento di follia il padre si suicidò inalando monossido di carbonio dal tubo di scappamento della sua auto.

Nastassja Kinski, sua amica di infanzia, convinse la Moore ad iscriversi alla Fairfax High School di Hollywood, un istituto dove studiò recitazione. A sedici anni divenne un'attrice a tutti gli effetti e nei primi anni ottanta esordì lavorando in televisione alla serie General Hospital . Tuttavia continuò avere un carattere instabile e difficile.

A 18 anni sposò il musicista Freddy Moore, da cui divorziò nel 1985, mantenendone il cognome a scopi lavorativi. Dal 1987 al 2000 è stata sposata con l'attore Bruce Willis dal quale ebbe tre figlie: Rumer (1988), Scout LaRue (1991) e Tallulah Belle (1994). Nel settembre del 2005 ha sposato l'attore Ashton Kutcher, di 15 anni più giovane. Dopo la separazione annunciata nel novembre 2011[2], la coppia ha divorziat

Dopo aver superato la crisi, si fece successivamente notare in ruoli cinematografici via via più significativi in Una cotta importante (1984) di Jerry Schatzberg, St. Elmo's Fire (1985) ancora di Joel Schumacher, A proposito della notte scorsa... (1986) di Edward Zwick, Non siamo angeli (1989) di Neil Jordan, ed emergendo definitivamente come romantica protagonista di Ghost - Fantasma (1990) di Jerry Zucker.

Nel 1991, durante la sua seconda gravidanza, posò nuda per la rivista Vanity Fair.

Soprannominata Gimme Moore (gioco di parole su gimme more, "dammi di più") a causa dell'esosità delle richieste che poneva prima di partecipare ad un film, ebbe una parte significativa in Codice d'onore diRob Reiner. Da quel momento in poi si verificò una svolta nel suo cinema: incominciò infatti ad accettare ruoli sexy e decisamente erotici che le fecero guadagnare anche un nuovo nomignolo, Demi goddess("semi-dea"). Particolare successo ebbero Proposta indecente (1993) per la regia di Adrian Lyne); Rivelazioni (1994) di Barry Levinson, pellicola che fece scalpore per alcune scene di sesso esplicito con la Moore protagonista, e Striptease (1996) di Andrew Bergman, fil per il quale la diva statunitense ottenne 12 milioni di dollari.

Nel 1996 e 1997 si aggiudicò il Razzie Awards quale peggior attrice dell'anno per Il giurato, Striptease e Soldato Jane e sempre nel 1996 il Razzie Awards alla peggior coppia in compagnia di Burt Reynolds perStriptease, nel 2003 come peggior attrice non protagonista per Charlie's Angels - Più che mai.

PROFUMO DI RECENSIONE

Questa pellicola come il lbro ti entra dentro e ti conduce attraverso la sua visione a immedesimarsi con la protagonista.

Per l'epoca una donna "decisamente moderna" forte, intraprendente che parte da sola per vivere in un colonia che doveva essere un nuovo inizio e una nuova conquista.

Ma la sua indole passionale e indipendente le crea molte difficoltà e viene mal vista dalla ristretta comunità bigotta e paurosa.

La sua aurea spaventa i personaggi in alto e per bene del posto e quando s'innamora del prete ricambiata, tutto diventa più complicato.

In fondo lei è una donna sposata che attende il marito, un importante medico.

Per fortuna o destino la nave che conduceva a bordo il marito viene presa ostaggio dagli indiani autoctoni che uccidono tutti tranne l'uomo che portano al villaggio con loro.

Il medico iniziato a tutte le pratiche della tribù, è un uomo dall'anima cattiva e malvagia e per questo viene allontanato.

Intanto Ester e il prete giunta la notizia della presunta morte del marito finiscono per cedere alla passione e lei resta incinta.

Per non rivelare il nome dell'uomo che l'ha sedotta subisce sei mesi di carcere mentre il marito torna a casa sotto mentite spoglie.

Una pellicola appassiante e cruda che pone l'accento su temi come la visione della donna, l'adulterio, la caccia alles treghe, le guerre tra conquistati e conquistatori.

Un film che merita la visione per capire che l'amore vero valica ogni confine e che c'è sempre un tributo da pagare per la propria cattiveria.

Avrei da dirvi molte altre cose ma lascio a voi il piacere di scoprirle.

Se avete domande, suggerimenti o informazioni da dare lasciatemi pure un commento, sarò felice di leggerlo.

Alla prossima.

La lettera scarlatta

Leggi i commenti

Condividi post

Repost 0

Frozen-il regno di ghiaccio

Pubblicato su 8 Maggio 2014 da Lucia Collo

Tags: #recensioni film Frozen-il regno di ghiaccio

Buongiorno carissimi,

iniziamo la discussione di oggi con Frozen - Il regno di ghiaccio (Frozen) un film del 2013 diretto da Chris Buck e Jennifer Lee, ispirato alla fiaba di Hans Christian Andersen La regina delle nevi. È un film animato al computer, prodotto dalla Walt Disney Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures.È il 53° Classico Disney ed è stato distribuito negli Stati Uniti il 27 novembre 2013, mentre in Italia il 19 dicembre. Il 2 marzo 2014 si aggiudica due Oscar: Miglior film d'animazione e Miglior Canzone (Let It Go). È il film di animazione che nella sua categoria ha realizzato il maggiore incasso della storia del cinema.

TRAMA tratta da wikipedia

La principessa Elsa è la primogenita della famiglia reale di Arendelle, un regno situato su un fiordo della penisola scandinava, ed è nata con un particolare potere magico: può infatti creare e manipolare il ghiaccio e la neve. Finché è bambina, questo particolare dono sembra una simpatica magia, tanto che lei lo usa per giocare insieme alla sua sorellina Anna, di quattro anni più piccola di lei. Un giorno, tuttavia, Elsa, all'età di nove anni, finisce per colpire involontariamente Anna alla testa con un getto di ghiaccio che la lascia priva di sensi e completamente gelata. Il re e la regina di Arendelle chiedono aiuto ai Troll, il cui re spiega che, nonostante il potere di Elsa sia un bellissimo dono, è anche una tremenda maledizione: racchiude in sé una grande bellezza, ma è difficilissimo da gestire. Il Troll suggerisce quindi di rimuovere dalla mente di Anna il ricordo dei poteri della sorella, e i regnanti promettono che Elsa imparerà a controllarli prima che diventino troppo pericolosi. Dunque da quel giorno decidono di tenere la figlia maggiore nascosta al mondo e addirittura ad Anna che, immemore di questi avvenimenti, non riuscirà a capire l'improvviso abbandono della sorella e continuerà a cercarla fino all'età adulta senza perdere mai la speranza di riavvicinarla. Elsa si rende invece conto che col passare del tempo i suoi poteri diventano sempre più forti e che soprattutto nei momenti di tensione e di paura sono incontrollabili, perciò è spaventata dalla possibilità di poter fare seriamente del male alle persone che ama e vive con rassegnazione questa sua segregazione.

Il re e la regina muoiono anni dopo in un naufragio, quando le sorelle sono adolescenti. Tre anni dopo la morte dei genitori, Elsa diventa maggiorenne ed è per lei il momento di salire al trono. Per l'incoronazione viene organizzata una grande festa e il palazzo viene riaperto per la prima volta dopo tanti anni. Anna, di carattere vivace e intraprendente, aspetta con ansia quel momento, mentre Elsa teme che i suoi poteri possano uscire allo scoperto. Durante il ricevimento le due sorelle sembrano ritrovarsi, ma nel frattempo Anna conosce uno degli invitati, il Principe Hans delle Isole del Sud; i due si piacciono subito e lui le chiede di sposarlo. Anna accetta immediatamente, ma Elsa rifiuta di dare alla coppia la benedizione necessaria al matrimonio, giacché i due si sono appena conosciuti. Anna allora le rinfaccia tutti gli anni di solitudine che le ha fatto passare, e nel litigio che ne segue Elsa sprigiona i suoi poteri davanti a tutti i presenti e ne perde il controllo causando un inverno perenne su Arendelle mentre fugge terrorizzata da quanto è successo.

Elsa trova rifugio in cima a una montagna; qui, libera per la prima volta da tutti i vincoli e le imposizioni, ma soprattutto dalle sue paure, decide di sprigionare completamente i suoi poteri, e si costruisce un magnifico palazzo di ghiaccio, dando inoltre inavvertitamente vita ad Olaf, un pupazzo di neve con il quale lei e sua sorella giocavano da bambine. Nel frattempo Anna si mette all'inseguimento di Elsa, pensando di poter chiarire tutto e riportarla sul trono. Durante il viaggio fa la conoscenza di Kristoff, un venditore di ghiaccio ormai disoccupato, e della sua renna Sven. La principessa convince il ragazzo a farle da guida verso il palazzo di Elsa; il gruppo fa anche la conoscenza di Olaf, che li conduce dritti da lei.

Le due sorelle si rincontrano, ma ben presto le cose degenerano: Anna vorrebbe riportare Elsa a casa, ma quest'ultima ha ancora paura di poterle far male e rifiuta l'offerta. Quando però viene a sapere di ciò che sta succedendo ad Arendelle, Elsa si sente nuovamente prigioniera degli avvenimenti, perde il controllo dei suoi poteri e nella furia un getto di ghiaccio colpisce inavvertitamente Anna. Resasi conto dell'accaduto, allontana coattivamente Anna, Kristoff e Olaf creando Marshmallow, un gigantesco uomo di ghiaccio che li scaccia. Al termine dell'inseguimento, i capelli di Anna cominciano a diventare bianchi e la ragazza, sempre più debole, avverte un fortissimo freddo. Kristoff la porta dai Troll: da bambino aveva assistito alla prima volta che il Re dei Troll l'aveva guarita, e crede che lo possa fare ancora; stavolta, però, Elsa ha colpito Anna al cuore, non alla testa, e solo un atto di vero amore potrà salvarla da una terribile sorte: diventare completamente di ghiaccio.

Kristoff fa di nuovo rotta verso Arendelle, credendo che Hans possa salvare Anna; il principe è però partito alla volta del castello di Elsa. Qui ha luogo una battaglia al termine della quale Elsa perde i sensi e viene riportata ad Arendelle, dove è tenuta prigioniera. Hans le chiede di spezzare l'incantesimo dell'inverno, ma Elsa non ha la capacità di farlo. Anna intanto arriva al castello, sempre più debole e fredda, ma quando chiede ad Hans di baciarla come atto di vero amore, questi le nega la salvezza, poiché in realtà non l'ha mai amata, ma ha finto di farlo per poter regnare su Arendelle, sposando lei, e uccidendo sua sorella Elsa dopo il matrimonio. Il principe lascia dunque Anna a morire, e dichiara alla corte di aver visto Elsa ucciderla, accusandola di alto tradimento e qui Anna scopre la sua vera natura: un uomo meschino e diabolico che ama soltanto il titolo di monarca, usurpandolo.

Nel frattempo Elsa, prigioniera nel suo castello e terrorizzata, perde di nuovo il controllo dei suoi poteri e scatena una tempesta di neve dalla quale neanche lei riesce ad uscire. Intanto Olaf trova Anna e riesce a riscaldarla evitandole di morire; le rivela poi che Kristoff, pur senza dichiararsi, si è innamorato di lei. Il giovane sta infatti sfidando la tempesta per tornare a salvarla. Anche Anna, pur debolissima, si butta nella tormenta per andargli incontro. Hans intanto trova Elsa e le mente dicendole che Anna è morta per causa sua; disperata, Elsa crolla a piangere e la tempesta svanisce, dando a Kristoff e Anna la possibilità di corrersi incontro, ma Anna vede che Hans sta per uccidere sua sorella e rinuncia alla sua salvezza per correre ad aiutarla. Mentre si frappone tra Hans ed Elsa, Anna diventa una statua di ghiaccio, spezzando la spada del principe. Hans perde i sensi mentre la sua spada va in frantumi.